Il permesso retribuito per lutto. Come è disciplinato nei contratti della Sanità

Molto spesso quando avviene un lutto in famiglia si deve pensare, oltre alla perdita del familiare e gestire varie situazioni spiacevoli, a richiedere un permesso per lutto al proprio datore di lavoro.

La norma che disciplina questo permesso è l’art 4 della legge n. 53 del 2000 il quale specifica: “La lavoratrice e il lavoratore hanno diritto ad un permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità’ del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente, purché la stabile convivenza con il lavoratore o la lavoratrice risulti da certificazione anagrafica”. 

I 3 maggiori contratti sanitari disciplinano questo permesso con modalità diverse tra loro.

CCNL Sanità Pubblica 2016-2018 – Art. 36 co. 1 lettera b) “lutto per il coniuge per i parenti entro il secondo grado e gli affini entro il primo grado o per il convivente ai sensi dell’art.1, comma 36 e 50, della legge 76/2016 (Unioni civili e patto di convivenza): giorni tre per evento da fruire entro sette giorni lavorativi dal decesso“.

CCNL Aris-Aiop – Art. 31 co. 1 lettera c) “in caso di decesso del coniuge, o convivente risultante dallo stato di famiglia, dei genitori, dei figli, dei fratelli e dei parenti e affini entro il secondo grado, spetta al lavoratore un permesso limitatamente a cinque giorni di calendario comprensivi del giorno di decesso che non verrà computato solo nell’ipotesi in cui il dipendente, nel predetto giorno, abbia comunque prestato attività lavorativa”. 

CCL Fondazione Policlinico Gemelli – IRCCS – Art. 33 co. 1 “3 giorni consecutivi di calendario per evento per lutto per coniuge, parenti entro il secondo grado ed affini entro il primo grado, soggetti componenti la famiglia anagrafica; i permessi per lutto di cui al presente alinea sospendono il decorso delle ferie“.

Come abbiamo appena visto, i tre Contratti Collettivi Lavoro disciplinano in modo diverso quello indicato dalla legge n. 53/2000.

Il CCNL Comparto Sanità Pubblica è quello che più si avvicina alla norma, visto che non indica la consecutività dei giorni ed inoltre offre la possibilità di fruirne entro 7 giorni lavorativi dal decesso.

Il CCNL Aris – Aiop permette la fruizione di 5 giorni di permesso lutto, ma questi devono essere fruiti di calendario e comprensivo del giorno di decesso. Questa modalità di fatto permette un fruire di 2 giorni di permesso in più rispetto alla norma, ma di fatto limita la possibilità di fruirne entro 7 giorni come nel CCNL Sanità Pubblica.

Per ultimo il CCL della Fondazione Policlinico Gemelli sembra essere quello più penalizzante rispetto ai 2 contratti sopra descritti, poiché permette la fruizione dei 3 giorni del permesso consecutivi di calendario, senza indicare la possibilità di fruirne entro 7 giorni come nel Contratto pubblico. Va fatto presente che non essendo indicato nessuna modalità, di quando fruirne per prassi si utilizza quello indicato nel CCNL Sanità Pubblica, pertanto si può fruire entro 7 giorni dall’evento.

I dubbi e dilemmi molto spesso nascono sul fatto di capire e conoscere come si calcolano i gradi di parentela.

Gli Zii e cugini rientrano nel secondo grado?? Chi sono gli affini?? Soggetti componenti la famiglia anagrafica??

Di seguito un grafico esaustivo in cui viene evidenziato in VERDE i parenti ed affini, per cui è possibile usufruire del congedo e in ROSSO il grado di parentela che preclude tale beneficio.

 

 

 

 

Il lavoratore che è costretto ad assentarsi a causa del decesso di un familiare ha l’obbligo di avvertire tempestivamente il datore di lavoro. Nella comunicazione vanno indicati i giorni di permesso che si vogliono utilizzare.

Una volta rientrato a lavoro, il dipendente deve consegnare al datore di lavoro la documentazione relativa al decesso del parente, la quale deve essere corredata da un’autocertificazione o dalla certificazione rilasciata dal Comune.

La redazione Coinanews

 

Fonti:

CCNL Sanità Pubblica

CCNL Aris Aiop

CCL FPG

 

Immagini: 

Pixabay.com